Perchè dovrei linkarmi al tuo sito


La risposta potrebbe essere, perchè sei figo! No non basta essere “belli belli in modo assurdo” per far si che gli altri linkino verso il tuo sito, e sappi che senza gente che mette un link verso di te le possibilità che hai di posizionarti per una determinata parola chiave stanno a zero. Facendo un calcolo veloce, la maggior parte delle piccole e medie imprese ha bisogno di circa 50-200 backlink per posizionarsi su almeno 5-6 parole chiave. Quindi o ti compri qualche link (anche se non dovresti, birbante ) oppure devi fare in modo che qualcuno decida di linkarsi ai tuoi contenuti.

Perchè se la ragione non c’è, nessuno lo metterà quel link e tu sarai triste e sconsolato con quei pochi link di scarsa qualità che ti sei costruito da solo (e che non bastano ) per posizionarti su parole chiave che portino traffico.

Contattare i proprietari di altri siti web per avere un link verso il tuo sito non è semplice. Certo, chiedere, puoi chiedere tranquillamente. Ma coloro che posseggono un sito, sanno bene che un link verso un altro sito è un segnale di autorevolezza, e sono già stati inondati con queste richieste in passato, quindi se il tuo contenuto è veramente il meglio che c’è e si merita di essere primo su google fallo, altrimenti lascia perdere.

Quindi adesso la domanda è “Come faccio a farmi linkare dagli altri?”

Crea un sito originale, interessante e unico nel suo genere

Questa è la situazione ideale per te come utente e anche per google – un utente trova il tuo sito in modo naturale, magari su un motore di ricerca o con una menzion sui social, mette il like ad un contenuto che hai pubblicato, e decidi di linkarsi per far sapere agli utenti che visitano il suo sito che anche il tuo può arricchire la loro conoscenza. Il tuo contenuto deve essere eccezionale, non buono, deve essere incredibile, qualcosa di mai visto, altrimenti col c…o che ci mettono il link. Quindi se hai appena iniziato e il tuo sito a 0 DA o TF, puoi condividere il tuo contenuto sui social, nei blog di settore, forum ecc. Una volta che inizi a ricevere qualche link, menzioni sui social e ranking, questo processo diventa molto più facile e naturale, poichè avrai persone che linkeranno al tuo sito in modo più frequente e continuo

Chiedi agli amici…se ne hai

Chiedi agli amici...se ne hai

È probabile che tu conosca delle persone ( amici, colleghi, fidanzate, amanti ecc) che abbiano un sito web e se gli chiedi di mettere un link verso il sito, è possibile che lo facciano. A parte gli amici le migliori persone a cui chiedere sono persone con cui hai regolarmente rapporti di lavoro, persone che paghi e che ti pagano, con le quali hai instaurato una relazione solida nel tempo. In realtà, potresti anche contattare persone che non conosci e aiutarle con il loro sito ( magari hanno un errore da qualche parte, o offrirti di fare qualcosa per loro ) e poi chiedere un link in cambio. Questi link costruiti attraverso le relazioni con amici e colleghi sono ottimi, in quanto difficili da replicare per i tuoi competitor. Ovviamente anche loro costruiscono link grazie al loro network di persone e anche tu non potrai replicarle, ma fa parte del gioco

Scambio di link

Lo scambio di link è sempre stata una tecnica utilizzata nella SEO in quanto aiuta entrambi i siti a posizionarsi più in alto per determinate parole chiave. Ovviamente quando tutti hanno cominciato a fare cosi, Google ha diminuito il valore che vi è tra due siti che si linkano a vicenda ( ho detto diminuito, non azzerato ) quindi come tecnica è ancora utilizzabile. Se qualcuno ti dice che mette un link al tuo sito, solamente se tu lo metti al suo accertati di 2 cose: il suo sito deve essere un sito di qualità, senza spam e che non utilizzi tecniche seo black-hat. Altra cosa importante è che tra i due siti vi sia qualche tipo di collegamento ( luogo o argomento ) perchè se il dentista di milano linka al fiorario di Roma, Google potrebbe porsi qualche domanda.

Scrivi tu il contenuto

Se hai davvero ottimi contenuti sul tuo sito, alcuni siti che trattano lo stesso argomento o argomenti simili che non competono con te ( per esempio blog, siti che trattano molti argomenti ecc ) possono essere interessati ad a ri-pubblicare il contenuto sul loro sito. E questo è ottimo per entrambi perchè tu ti prendi un link verso il tuo sito e loro hanno contenuto nuovo da pubblicare. Google non ha alcun tipo di problema con i siti che utilizzano questa tecnica, che anzi è abbastanza comune sia online che offline, con magazine e giornali che regolarmente prendono contenuti altrui. Un’altra alternativa è quella di fornire ad un sito un articolo che non sia stato pubblicato da nessun’altra parte ( Guest Posting ) questo è un modo bello naturale di prendersi un link e anche la persona che te lo deve dare è sicuramente più felice in quanto non deve scrivere l’articolo.

La presenza online della tua azienda

La creazione di una presenza online per la tua attività è cruciale nel mondo di oggi. Ma non puoi semplicemente creare un sito web, fare un po ‘di contenuti e poi sedersi aspettando di rankare sui motori di ricerca

Se si desidera arrivare in prima pagina o nelle posizioni che contano, è necessaria una strategia a lungo termine e fatta da un consulente seo. Tra i milioni di pagine che vengono fornite per ogni query di ricerca, solo una di queste conta, essere il numero uno

A tal fine, ci sono tre errori comuni da evitare. Rendere questi errori può avere conseguenze catastrofiche e potenzialmente potrebbe penalizzare il tuo sito o addirittura cadere da Google.

Scegli le parole chiave sbagliate e tutti i tuoi sforzi di SEO saranno inutili. Non fare affidamento sul tuo sesto senso quando selezioni le parole chiave – utilizza strumenti per la ricerca di parole chiave. La scelta di quali parole chiave usare richiede la conoscenza della loro popolarità, ed è spesso utile utilizzare sinonimi e varianti che magari hanno meno ricerche, ma anche meno competizione. Puoi fare una sessione di brainstorming utilizzando AnswerThePublic.com e Soovle.com che ti indicano ottimi sinonimi per il tuo sito.

Mentre è necessario includere le tue parole chiave nel tuo tag (che è il punto più importante), le intestazioni e la copia del corpo, non dovresti mai andare in mare e riempire la tua pagina piena di parole chiave ripetitive. Questa tattica è contraria alle linee guida di Google e può penalizzare il tuo sito.

 

Avere link in entrata verso il tuo sito è fondamentale per il posizionamento su Google, ma il segreto è la qualità, non la quantità. Acquistando un sacco di link di bassa qualità per un buon prezzo vai a danneggiare la tua strategia seo e verrai penalizzato da Google. Concentrati solo sull’acquisizione di link da siti autorevoli con un punteggio alto del trust flow di Majestic o della DA di MOZ

Come stabilire un sito web di qualità?

Te la faccio breve, un sito web di qualità è un sito che fornisce contenuti utili e pertinenti agli utenti, garantendo anche una buona esperienza e navigazione tra le pagine del sito.

Spendere un sacco di soldi per un sito non è garanzia di avere un sito di qualità, puoi tranquillamente investire 800-1000€ per un sito e avere risultati molto buoni e investirne 5000 con risultati mediocri, quello che conta è il tempo  e la strategia che il tuo sviluppatore utilizzerà per sviluppare il sito.

La valutazione della qualità è soggettiva, ciò che qualcuno indica come scarsa qualità potrebbe essere giudicato da un altro come alta qualità, vi sono più indicatori che utenti e motori di ricerca utilizzano quando devono giudicare un sito. Ad esempio se un sito è lento nel caricare, ha contenuti duplicati o vi sono troppi annunci può essere classificato come un sito di bassa qualità.

Di seguito una serie di domande da porre per verificare la qualità di un sito web:

  • Il nome del dominio è rappresentativo dell’azienda?
  • Il numero e l’indirizzo sono indicati chiaramente?
  • È possibile parlare con una persona che lavora in quell’azienda?
  • Vi sono foto e nomi delle persone associate?
  • Potreste fidarvi nell’inserire info sulla carta di credito?
  • È progettato professionalmente?
  • Lo segnaleresti a qualcuno?
  • È stato disegnato in modo professionale?
  • Il testo è chiaro e facile da leggere?
  • Le foto sono in buona risoluzione?
  • È semplice e logico da navigare?
  • Vi sono errori ortografici?
  • Il contenuto è scritto da un esperto?
  • Fornisce un valore sostanziale rispetto ai siti web concorrenti
  • Cita altri siti web di qualità?
  • Viene caricato correttamente in tutti i browser?
  • Le pagine si caricano in meno di 3 secondi?
  • Il visitatore medio visita più di una pagina
  • La durata media della visita è superiore a 1 minuto?

Agenzia SEO o Consulente SEO

La SEO non è morta. Ottmizzare il tuo sito per i motori di ricerca continua ad essere il motore trainante di molte aziende che si basano sulla vendita di prodotti online. Tuttavia è vero che fare SEO rispetto a qualche anno fa è diventato molto più complesso. Forse è per questo che alcuni cominciano a dire che la SEO sia in via di estinzione o stia morendo. Lo specialista SEO deve essere una figura che sappia abbracciare la SEO a 360 gradi: siti responsive, AMP, velocità di caricamento delle pagine, contenuti lunghi o corti, l’ottimizzazione richiede numerose attività.

Quindi adesso la domanda è: è meglio assumere un agenzia SEO o un Consulente SEO?

La principale differenza tra un’agenzia ed un consulente è il numero di persone con cui lavori, quando ti affidi ad un freelancer seo ti interfacci solitamente con una sola persona che è quella che si occupa sia del lavoro che della gestione del cliente. Avendo lavorato sia in agenzia che come consulente seo freelancer personalmente preferisco avere a che fare con meno persone possibili,e questo per diverse ragioni:
Comunicazione:

Agenzia SEO o Consulente SEO

La comunicazione è più fluida è chiara,non dovendo interfacciarti con persone diverse in reparti differenti si instaura un rapporto di fiducia con la persona che ti segue.
Efficienza:

Il lavoro di un consulente seo è estremamente pratico rispetto a quello di un’agenzia, avendo molti clienti un’agenzia non può essere così attaccata al cliente come un consulente che mira ai risutati.

Altra importante differenza quando pensi di assumere un consulente seo o un agenzia è la mole di lavoro, come dicevamo prima un’agenzia ha solitamente molti venditori che poi passano il cliente all’account che si interfacciano a loro volta con gli esperti SEO e poi gestiscono la relazione con il cliente…insomma è davvero un casino. Il consulente SEO potendo accettare meno clienti per limiti di tempo, può organizzare sessioni private di analisi seo con i clienti, può permettersi di andare in ufficio per entrare davvero nel business dell’azienda e per esperienza essendo i consulenti delle persone e non delle aziende riescono ad instaurare una relazione più profonda di quella di un semplice contratto

Viste queste due differenzi a mio parere fondamentali andiamo ad analizzare i pro e i contro nell’assumere un consulente SEO o un’agenzia SEO.

Pro di un consulente SEO

Vi sono molti aspetti positivi nell’assumere un consulente seo. Se hai un’impresa piccola o media con un sito web limitato a poche pagine o a poche centinaia di pagine assumere un freelancer seo è sicuramente la strada migliore. In caso di domande o di modifich sul tuo sito web, puoi contattarlo direttamente per fare il lavoro.

I consulenti SEO raramente esternalizzano il lavoro ad altri.

Possono essere assunti per analizzare un sito e fornire raccomandazioni. In generale i consulenti seo hanno una maggiore conoscenza e sono molto più qualificati dellle agenzie. Sono inoltre persone molto pratiche e fanno il lavoro in modo veloce ed orientato ai risultati. Offrono inoltre un servizio una tantum oppure a tempo. Non è necessario assumere un consulente SEO in modo continuo, anche se possiedi un team SEO interno puoi comunque affidarti a qualcuno di esterno per un parere.

Un’altra cosa che molte aziende fanno è assumere un consulente SEO che analizzi il lavoro che sta svolgendo un’agenzia per una determinata azienda. Se non sei in grado di valutare il lavoro di un’agenzia allora chiedi ad un freelancer modi per incrementare le vendite, ottenere più traffico o più click sul tuo sito

Contro di un consulente SEO
Lavorare con un consulente SEO può avere degli effetti negativi, vediamoli insieme.

I consulenti di SEO tipicamente si specializzano in alcune aree o parti di marketing relative ai motori di ricerca e marketing di siti web. Ad esempio, possono specializzarsi in analisi SEO o in ppc). Se si presenta un problema, il problema può provenire da una parte che non sia la seo e difficilmente hanno una comprensione del marketing a tutto tondo.

Pro di un’agenzia SEO
È più economico assumere un’agenzia SEO per eseguire lavori mensili. È possibile spalmarne il costo su diversi mesi e sono più facilmente giustificabili al direttore marketing dell’azienda.

La SEO non è l’unica cosa che influisce sul traffico e sulle vendite del tuo sito web. Ci sono molte componenti per avere successo: SEO, web design, ppc, social media, contenuti (copywriter) e sviluppatori web. Se hai un sito web più grande (più di 50 pagine), sei in un settore competitivo, o hai bisogno di un team di persone che lavorano insieme per avere successo allora l’agenzia può essere un buona alternativa

Con un sito web più grande o aggiornato regolarmente, può essere più facile per un’agenzia SEO gestire il lavoro. Gli aggiornamenti dei contenuti e dei social media, la gestione della ppc e persino tutta la parte di web design possono essere gestite con un’unica agenzia.

Contro di un’agenzia SEO

Lavorare con un’agenzia di SEO ha i suoi punti negativi, e ci sono ragioni per cui alcuni giurano che mai e poi mai assumere nuovamente un’altra agenzia SEO.

Le Agenzie SEO, spesso, esternalizzano il lavoro ad altri.

Le persone che inizialmente parlano con te (come venditori) non sono quelle che fanno il lavoro.

Può richiedere molto più tempo per ottenere risultati. Le agenzie in genere effettuano solo un certo numero di ore di lavoro al mese. Una volta che hanno raggiunto quel numero di ore basta. Il lavoro viene messo in pausa fino al mese successivo. Se c’è un problema che deve essere affrontato subito, poiché il tuo sito perdere traffico ( e vendite ) di giorno in giorno diciamo che un’agenzia non è il posto migliore con il quale lavorare. I dipendenti dell’agenzia lavoreranno quelle dieci ore all’inizio del mese, e difficilmente li rivedrai operativi fino al mese successivo.

I dipendenti e le agenzie di Agenzia SEO in generale non hanno un incentivo per fare il tuo lavoro immediatamente. Se stai pagando loro una fee mensile, possono tranquillamente applicare quelle modifiche alla fine del mese in modo da vederne i risultai nei mesi successivi e tu alla fine avrai buttao soldi per altri 45 giorni Questo con un consulente non accade

Le agenzie assumono responsabili e venditori esterni il cui unico obiettivo è vendere.Sono solitamente commerciali che non hanno alcuna esperienza in ambito digitale e che vogliono solamente farti firmare un contratto. Questo non li rende esperti di SEO. Le domande del cliente vengono poi passate a qualcun altro, che è l’esperto e solo quando l’esperto risponde si mette in moto il processo di comunicazione con il cliente.

Le agenzie assumono gente appena uscita dall’università.Tra questi vi sono alcuni che fanno molto bene e si muovono rapidamente all’interno dell’azienda diventando degli esperti. Poi ci sono coloro a cui vengono offerti più soldi una volta che hanno una certa esperienza (un anno o due, forse meno) e lasciano l’agenzia per 10.000€ in più all’anno di stipendio.
Le agenzie in genere ti faranno firmare un contratto per almeno 6 mesi o un anno. Perché? La verità è che hanno bisogno di qualche mese per studiare il tuo sito. Il primo mese analizzano il tuo sito proponendo modifiche discutibili solo per far vedere che stanno facendo qualcosa. I mesi successivi studiano la concorrenza e il mercato ed è solitamente solo dopo il 3 o 4 mese che si comincia a vedere un po’ di lavoro. Il fatto è che avendo pagato per 10-20 ore al mese nessuno di questi intende fare di più, perché fare di più signiificherebbe meno soldi.
Insomma vi sono lati positivi e negativi nell’assumere un’agenzia SEO, lavorando sia come freelancer SEO sia in agenzia posso dire che dipende dal tipo di progetto che si ha, ma un consulente è sicuramente più versatile di un’agenzia.
Se hai domande sulla tua agenzia SEO o se hai bisogno di un consulente se a Milano non esitare a contattarmi. Il mio unico interesse è portare il tuo business a raggiungere gli obiettivi prefissi.
Contact form

Cosa aspettarsi da un Consulente SEO?

Quando ci si affianca ad un consulente seo e non si è del settore, la domanda più frequente che viene fatta è ‘Come fai a comunicare con me?’ se è già da qualche mese che hai preso un consulente SEO e ancora non hai report o miglioramenti c’è qualche problema. Houston abbiamo un problema!

 

What to expect from a totally SEO Consultant?

Link nofollow

Una delle cose fondamentali da valutare quando prendi uno specialista SEO è davvero la sua maniera di comunicare, di spiegarti le cose e di aggiornarti sui miglioramenti del tuo sito. Infatti ogni SEO dovrebbe essere transparente nel proprio lavoro e tenere aggiornati i propri clienti. La trasparenza è importante per sapere che il tuo consulente SEO non stia usando tecniche black hat o ti stia linkando in qualche strana directory coreana.

Reportistica

Non esiste SEO senza report, un analisi settimanale/bisettimanale sui progressi fatti dal tuo sito non solo è fondamentale per tracciare il lavoro, ma anche per capire quali errori sono stati risolti, 404, 302 trasformati in 301, url dinamici ecc.

Ma quali sono i vantaggi di affidarsi ad uno specialista SEO?

Non molto tempo fa la SEO era una piccola nicchia del marketing. Oggi nel mondo anglosassone e anche in Italia si sta aprendo sempre di più e le aziende si rivolgono molto più di prima a specialisti del settore.Uno dei vantaggi più evidenti nell’affidarsi ad uno specialista della SEO è sicuramente quello di avere competenze tecniche che spesso le persone che lavorano dal cliente non hanno. Quindi ha senso prendere qualcuno che ne sappia di più ed abbia esperienza e lasciare che loro si concentrino su altre attività di marketing. Un altro vantaggio è che chi si interfaccia per la prima volta con il tuo sito, vede cose che tu non riesci a vedere, ha sicuramente un occhio più fresco ed è più creativo. Capita spesso che quando si tenta di risolvere un problema ci si dimentica dei piccoli dettagli come robot.txt o redirect.

Un Consulente SEO ti insegna ciò che non sai.

La SEO cambia talmente velocemente che ormai non condividere la propria conoscenza e le proprie tecniche è diventato inutile ( e sembra anche un po’ losco ) un SEO solitamente dice tutto e anzi ti insegna. La SEO che adesso è una materia a tuttotondo e anzi anche comincia avere a sua volta delle nicchie: link building, contenuto, mobile SEO.

Insomma come abbiamo visto avere un consulente di web marketing e seo che ti segue può avere molti vantaggi e oggi più che mai può fare la differenza nei risultati che la tua aziende ottiene. La prossima volta che hai intenzione di respingere una proposta pensaci bene.

Se stai cercando un consulente seo a Milano chiedimi adesso una consulenza gratuita su come posso migliorare il tuo sito e portarti più vendite.

Buona ottimizzazione a tutti!

Come creare PPC Ads che spaccano davvero

( Da Search Enjine Journal )
L’obiettivo di Adwords e Bing ads ( oltre che portare un sacco di traffico ) è quello di essere il più rilevanti possibili con la query digitata dall’utente. E per essere rilevanti è importante scrivere gli ads come un vero PPC Ninja. Qui ci sono 3 tecniche che utilizzo spesso per scrivere ads che spaccano.

1 Value Proposition
Quando si aveva un problema si andava dal dottore, oggi quando si ha un problema si va su Google. Per questo è importante usare quei 35 caratteri per comunicare la propria Value Proposition ovvero la soluzione al problema.
Nell’esempio qui sotto ho preso una categoria abbastanza competitiva e nel mercato anglosassone che per questi tipi di esempi è spesso più avanzato.
Headline: Redenhair, nome del brand, Hair loss solution ( Value pro position ) quella che in inglese si chiama social proof ovvero che è stato visto su CNN e FOX. In più caratteristiche del prodotto, quindi abbiamo For men & Women, minimally invasive e con Call to Action ‘Request Appointment!’ e l’indirizzo sottostante se sei un local business

Anche il terzo risultato è interessante che mette Enjoy Thicker & Fuller hair ovvero Capelli più voluminosi e spessi, in più comunica sicurezza con ‘Rimborso garantito’ e le estensioni sitelinks a livello di adgroup molto rilevanti: Come funziona, Shampoo per capelli fini, Risultati e testimonianze, Più volume da subito.

2 Creare un senso di urgenza e di scarsità del prodotto
Una delle più grosse paure per le persone è quando stanno perdendo qualcosa e che non potranno più riaverlo in futuro, allora spesso si decidono a comprare. Creare una sensazione di urgenza può essere un fattore importante nei tuoi annunci in quanto comunica che il tuo prodotto è in sconto ora ( e non lo sarà in futuro, anche se non è vero )

Risparmia OGGI il 30%. Veloce finisce in fretta. Solo fino alla mezzanotte. Sono tutti espedienti per far aumentare il tuo CTR ( Click through rate ) alle stelle. Sono molti i brand che utilizzano questo senso di urgenza per vendere di più.
Insieme all’urgenza vi è la scarsità del prodotto. Non pensate che le limited edition esistano perché non riescono a produrre abbastanza, le marche le creano affinchè si generi quel senso di urgenza che ti fa schiacciare su “aggiungi al carrello”. Alcuni modi per utilizzarli negli annunci di adwords sono: Solo 5 in stock, 10 persone stanno visualizzando questo prodotto adesso, mettere un countdown ( sulle landing page ) insomma tutte CTA che aumentino il senso di urgenza e scarsità di quel prodotto.

3 Social Proof – La prova dei consumatori
Le persone credono alle persone, per questo oggi nell’online sono tutti fissati con le reviews ( anche false ) quella che viene definità social proof è fondamentale per far fare all’utente l’acquisto finale, le social proof le aggiungo spesso nei call out, alcune di quelle che uso per ispirare fiducia sono: 100% clienti soddisfatti, il più venduto in Italia ( o nel paese dove vendete ) 100% Originale, Già 20.000 clienti in Italia. Etc
Vi assicuro, siate un po’ più aggressivi con Call Out e Site Links e vedrete il vostro CTR schizzare di almeno un buon 3-4%. Se non è così <aclass=”diverst” href=”https://www.gstarseo.it/contatti/”>contattami subito così capiamo dove agire.