3 Feature di Adwords che non stai utilizzando | GstarSEO.it

3 Feature di Adwords che non stai utilizzando

La cosa meravigliosa di Google AdWords è che ognuno ha il suo modo specifico per utilizzarlo. Lavorando come consulente adwords da diversi anni, mi è capitato spesso di confrontarmi con altri professionisti del settore, ed è interessante osservare che ognuno ha avuto esperienze diverse: chi si è specializzato in campagne search, chi invece ha fatto della display il proprio cavallo di battaglia.  Ogni specialista ppc ha le proprie impostazioni preferite per quanto riguarda le impostazioni di una campagna.

Se questo da un lato è un punto di forza, dall’altro significa che siamo inclini a rimanere bloccati nei nostri modi di pensare, spesso trascurando di esplorare nuove funzionalità, e testare nuove strategie.

In questo post ho deciso di analizzare 3 aspetti che non sono molto comuni agli specialisti adwords o che comunque non utilizzano a pieno, anche se dovrebbero:

Variazioni dell’annuncio

Alcuni mesi fa, Google ha annunciato il lancio di varianti di annunci nella nuova esperienza AdWords. Questa funzione ti consente di testare le variazioni degli annunci su tutti gli annunci di testo su larga scala; ora puoi testare facilmente le modifiche ai tuoi titoli, descrizioni o percorsi di visualizzazione e Google condividerà i risultati del test una volta che i risultati avranno raccolto dati significativi.

Questa nuova funzione sembra abbastanza semplice, e permette di risparmiare una grande quantità di tempo, soprattutto se gestisci un account più grande. Con questa modifica, non ci sono scuse per non sviluppare una serie coerente di test di variazione dell’annuncio. (Non ce n’era nemmeno prima, è importante, gente!)

Le aziende che utilizzano da poco campagne search possono utilizzare questa nuova feature per trovare facilmente la quadra sulle campagne, massimizzando pertinenza degli annunci, punteggio di qualità e CTR.

Annunci Gmail

Noi, come inserzionisti, possiamo essere riluttanti a volte nel testare nuovi posizionamenti e canali – e questo è perfettamente ragionevole. Gli annunci Gmail richiedono la navigazione nella scheda Promozioni e questa è un’altra ragione per cui l’adozione è lenta. Ma la notizia che Google sta consentendo il retargeting (e il retargeting dinamico) negli annunci Gmail significa che non puoi più permettertelo di ignorare completamente questa opportunità di posizionamento.

Se la tua attività si basa su più punti di contatto per creare vendite o lead, il retargeting è essenziale per convertire quegli utenti che non hanno convertito subito.

Gli annunci Gmail possono essere attraenti e accattivanti e, se abbinati a una campagna di retargeting ampia e intelligente (che si adatta perfettamente al flusso di lavoro della posta elettronica), puoi davvero creare un’esperienza indimenticabile per gli utenti. Seriamente, non saranno in grado di dimenticare il tuo marchio perché sarai ovunque.

Ho avuto i miei problemi con gli annunci Gmail in passato, poiché spesso sono stati tutt’altro che intuitivi da configurare. A proposito qui c’è un buon tutorial di google che ti permette di crearli in pochi passi Ma Google sta mostrando una rinnovata attenzione all’espansione delle capacità degli inserzionisti di utilizzare Gmail, e questo è qualcosa che dovremmo prendere in considerazione come marketer. Gli utenti che usano la mail hanno un contesto completamente diverso rispetto ai social media o ad altri canali e gli annunci Gmail non hanno un aspetto invasivo, soprattutto perché l’esperienza è limitata a un solo annuncio al momento.

Esperimenti

A questo punto, mi piacerebbe immaginare che la stragrande maggioranza degli inserzionisti che lavorano in AdWords abbia almeno provato a creare ed eseguire un esperimento, ma possiamo davvero essere contenti di eseguire un solo esperimento?

Feature di Adwords

Gli esperimenti vengono eseguiti per uno scopo specifico e, in quanto tali, possono essere rapidamente eliminati. Ma c’è sempre qualcosa da testare.

Gli esperimenti delle campagne AdWords ci sono stati dati come un modo per avere più controllo sui fondamenti dell’introduzione di nuove tattiche e strategie. Controllare il mix di budget (ad esempio, a partire da 80/20 quando si introduce un cambiamento tattico più rischioso) è solo un’ottimizzazione intelligente ed è qualcosa da sfruttare costantemente.

Cosai fare?

È sempre una buona idea prendere in esame e testare le funzioni di AdWords che non hai utilizzato abbastanza (o del tutto) e identificare quelle che sembrano le maggiori aree di opportunità da introdurre per la tua azienda o cliente. Ora che siamo nel 2018, è tempo di abbandonare le consuete abitudini del 2017 (lamentandosi della nuova piattaforma AdWords, per esempio) e di accettare i cambiamenti e gli strumenti che ci vengono forniti.